Schede Film: 3309 | Schede Serial: 0 | Recensioni: 2373 | Iscritti: 34

Batman Begins

Foto Batman Begins Film, Serial, Recensione, Cinema

Fotogallery



Bruce Wayne, vede i suoi genitori assassinati da un rapinatore. Incapace di liberarsi del senso di colpa, inizia un vagabondaggio che lo porta fin sulle vette dell'Himalaia, dove Ra's Al Ghul e il suo fido Ducard lo iniziano alla via del loro culto ninja. Wayne è deciso a servire la giustizia e tornato a Gotham, trova in Falcone, potente trafficante di droga, e in Crane, altrettanto corrotto psichiatra, i due più acerrimi nemici, diventando Batman che simboleggia la paura di Wayne.

Titolo originale
RegiaChristopher Nolan
CastChristian Bale, Michael Caine, Liam Neeson, Katie Holmes, Gary Oldman, Morgan Freeman, Cillian Murphy, Tom Wilkinson, Rutger Hauer
GenereAzione
Anno2005
Durata140'
ProdUsa
ProduzioneEmma Thomas, Charles Roven, Larry J. Franco
DistribuzioneWarner Bros. Pictures
Sitoweb

Recensioni (3)

Ugo80 Film Cinema
Ugo80
6

Il personaggio di Batman ha sempre attratto il pubblico per le sue caratteristiche drammatiche e umane dietro la maschera da supereroe atipico. Dopo l'ultimo film Batman & Robin accolto in maniera negativa da critica e pubblico e i diversi tentativi falliti di proseguire la serie, questa volta il nuovo progetto di riportare in auge l’eroe oscuro di Gotham passa nelle mani del regista Christopher Nolan e dello sceneggiatore David S. Goyer che hanno come obiettivo di rivedere le visioni cinematografiche precedenti per misurarle più da vicino con il fumetto, ispirato in parte a 'Batman: Anno uno' di Frank Miller. Al di là del tentativo di adattamento più fedele al testo fumettistico rispetto alla versione di Tim Burton, che ricordiamo fu il primo ad approcciare il vigilante oscuro in un film dalle grosse ambizioni, questa nuova riproposizione di Batman non è particolarmente riuscita. Il film ripercorre la parte di apprendistato del multimiliardario Bruce Wayne in un luogo imprecisato dell'Asia meridionale dove è addestrato da un misterioso personaggio chiamato Henri Ducard per una buona mezz’ora di film, scavando nel profondo del personaggio ancora sconvolto per la morte dei suoi genitori. Una buona idea che però non è accompagnata da un’altrettanta qualità nella scrittura a tratti confusionaria e nei dialoghi che non sono per nulla convincenti, in particolar modo le farneticazioni di Ra’s al ghul, uno dei personaggi più complessi del fumetto, peraltro adattato diversamente dall’originale cartaceo. Inoltre, a questo va aggiunto un problema di casting con attori sbagliati (es. Katie Holmes) che non fanno altro che peggiorare la situazione. Infine nemmeno i villain di turno, un anonimo Scarecrow (lo spaventapasseri) coadiuvato dal boss della mala Carmine Falcone, che minacciano l’avvelenamento delle tubature idriche di Gotham City, sono davvero insipidi. Sulla parte tecnica del film c’è poco da dire, riesce difficile sbagliare quando le produzioni sono ad alto budget. Alla fine della pellicola viene mostrata una carta da poker che raffigura un Joker; mossa pubblicitaria che annuncia un nuovo episodio dove in modo inequivocabile svela il nuovo avversario, ovvero la nemesi per eccellenza di Batman. Questa pellicola che dovrebbe fare da apripista a una nuova serie di film, semmai ce ne fosse stato bisogno, non riesce a migliorare la saga di Batman.

Superficie 213 Film Cinema
Superficie 213
7

Dopo i due inguardabili Batman di Schumacher pensavo che non ci fosse piu' spazio per le avventure dell'uomo pipistrello,invece Nolan prende in mano le redini della serie girando questo buon film d'azione che rialza le quatazioni del personaggio,ma che pero' non si avvicina alla grazia dark dei due gran film di Burton. Non che Nolan non abbia fatto male a fare qualcosa di personale,ma l'amaro in bocca per le favole gotiche del genio Tim resta. Qui si raccontano la genesi e la formazione del giovane Wayne che solo a meta' film - scelta giustissima - indossa il costume del giustiziere mascherato. La sceneggiatura e' ben scritta e nonostante qualche banalita' e qualche trovata un po' troppo rivista regge fino alla fine - dove la nascita del Joker e' ben suggerita... - senza perdere di ritmo,la messa in scena di Nolan e' classica,non modaiola,con riprese d'azione mai eccessive o barocche. Nessun barocchisimo nemmeno nelle scenografie - davvero impossibiili da vedere nei due di JS... - ,fotografia di buon livello,musiche intriganti , ritmo sempre costante ed un'ottima interpretazione degli attori - Bale 'e forse il miglior Batman dello schermo... - sono tutti fattori positivi di una pellicola ben fatta,che non eccede in effetti speciali inutili e che lascia ai personaggi il loro spazio senza "accettarli" eccessivamente... Insomma Nolan ha fatto un lavoro pulito, non troppo personale e che nonostante tutto poteva essere piu' "anticonformista". Pero' anche cosi' ci si puo' accontentare. Federico Frusciante

backstreet70 Film Cinema
backstreet70
8.5

Finalmente Batman, finalmente un film sul personaggio in cui è il personaggio il centro d’interesse, e non una scusa per divagare. Nolan si carica di responsabilità e si butta in una impresa dove se sbagli rischi di rovinarti la carriera. Se sbagli un film in cui il personaggio è al centro, non ci sono scuse, i fan ti aspettano con il coltello fra i denti e, successivamente, i produttori ti staranno alla larga manco fossi un appestato. Ha giocato di brutto Nolan, prendendo spunto dalle origini Milleriane di “Batman year one” ha costruito un’impalcatura filmica in cui per tutto il primo tempo il super eroe non si vede. Mi chiedo come abbiano reagito i produttori ad Hollywood quando hanno letto sulla sceneggiatura che dopo 15 minuti il costume da pipistrello non era ancora comparso. Ma in questo primo tempo troviamo il cuore nero del film, in cui qualcuno, finalmente, ci dà una plausibile spiegazione di come un normale uomo, senza aver ingerito pozioni chimiche o essere stato punto da ragni radioattivi, abbia potuto sviluppare simili capacità. E per cuore nero intendiamo tutta la serie di motivi per cui un ricco miliardario, invece di bere e fare wrestling con delle gnocche da paura, decide di consacrare la sua vita alla lotta contro il crimine. Paura, rimorso e giustizia cominciano una lotta nell’animo di un uomo alla ricerca di se stesso e del suo destino, in questo primo tempo troviamo l’essenza del Batman che conosciamo, quello tormentato e tenebroso della maggior parte delle storie su carta stampata. Il secondo tempo concede qualcosa di più allo spettacolo ma senza perdere di vista le finalità dell’opera. Decisamente centrati i principali personaggi secondari, che si ritagliano il giusto spazio a seconda della loro importanza, dal maggiordomo intepretato da Michael Caine al personaggio di Liam Neeson, veramente superlativo nel disegnare la psicologia del personaggio più interessante dopo l’uomo pipistrello. Nessun jocker o penguin come villain di turno ma un cattivo “minore” come lo spaventapasseri, anche con l’intelligente scopo di non mettere troppa carne al fuoco. Unica pecca evidente la si trova nei combattimenti corpo a corpo, dove la regia di Nolan (e il montaggio) rendono il tutto un po’ troppo confuso, cosa saggia sarebbe stata “lasciare” queste scene ad un assistente alla regia più “sgamato”. Imperfezioni in un film che non ha bisogno di seguiti (anche se probabilmente ci saranno) tanto è completo nel suo insieme. Ultima lode a Christian Bale che dopo “L’uomo senza sonno” offre un’altra prova di ottimo livello presentandosi come attore completo. Decisamente il miglior film su Batman superiore anche ai troppo osannati capitoli diretti da Burton. Paolo Iglina

Commenti (0)

Nessun commento

Vota questo FILM

"GRAN BEL FILM"

Gradimento

Media

7.2

Votanti

5

Per votare devi accedere nel KavusClub!

FILM IN EVIDENZA


HORROR ZONE

a cura di Federico Frusciante
Clicca qui per entrare nella sezione HorrorZone

CLASSIFICA TOP

I 3 migliori film di sempre secondo il KavusClub
Clicca qui per la classifica generale

CLASSIFICA FLOP

I 3 peggiori film di sempre secondo il KavusClub
Clicca qui per la classifica generale