Schede Film: 3308 | Schede Serial: 0 | Recensioni: 2373 | Iscritti: 33

Casanova

Foto Casanova Film, Serial, Recensione, Cinema

Fotogallery



Giacomo Casanova è un celebre seduttore. Esperto nei travestimenti, profondamente intelligente e furbo, ha la fama di non essere mai stato rifiutato da una donna finché un giorno conosce Francesca, la prima donna che sembra non corrisponderlo e che gli insegna il senso dell'attesa e la vera passione. Nella sfida più pericolosa della sua "carriera", in cui Casanova mette in gioco la sua reputazione e la sua stessa vita, capirà il vero significato e l'importanza dell'amore...(Trama ufficiale)

Titolo originale
RegiaLasse Hallström
CastHeath Ledger, Jeremy Irons, Lena Olin, Sienna Miller, Stephen Greif, Rose Byrne, Andrea Osvart
GenereCommedia
Anno2005
Durata108 '
ProdU.S.A.
Produzione
DistribuzioneBuena Vista
Sitoweb

Recensioni (2)

Superficie 213 Film Cinema
Superficie 213
3.5

Lasse Hallstrom e' un regista che ha girato un paio di pellicole decenti - Ancora una volte ,Buon compleanno Mr Grape - per poi diventare il classico regista europeo che piu' americano non si puo'! I successivi Chocolat,Qualcosa di cui sparlare,Le regole della casa del sidro,The shipping news sono roba da far innervosire anche il piu' ben disposto degli spettatori. Noiosi,presuntuosi,barocchi e sempre mediocri. Qui Hallstrom gira il suo film peggiore,un concentrato di banalita',ironia involontaria,trash e kitsch. Insomma una bella ciofeca. Gia' dalla prima sequenza si capisce da che piano si casca... Ledger e' improbabile,gli altri attori sono macchiette - dispiace vedere un Irons ridotto in queste condizioni...mutuo da pagare?.. - e nell'insieme la sceneggiatura si avvicina piu' a commediaccie alla Prima o poi mi sposo,che a quella di un film in costume con ambizioni storiche. Venezia e' dipinta per americani bifolchi che vogliono solo stereotipi ,la fotografia e' orrenda e troppo patinata,i costumi sono troppo perfettini e la messa in scena sa di teatro ricco. Uno sfacelo anche come ritmo,il film e' davvero loffio,le battute sono fuori luogo - sembra a tratti di essere in una teen comedy..bah.. - ed i colpi di scena non sono per niente credibili. Se qualcuno pensa vedendo questo film di farsi davvero un idea del Casanova personaggio ha proprio sbagliato idea. Qui siamo di fronte ad una commedia di bassa lega che vuole essere fatta passare per un 'opera d'arte. Insomma,un film pesante come la mano del suo regista. Federico Frusciante

scapigliato Film Cinema
scapigliato
8

Lasse Hallström non fa di certo un filmone di quelli da storia del cinema, ma il film può vantare un ritmo molto sostenuto, pieno di gag riuscite, con dialoghi possibili e simpatici, e soprattutto una messa in scena che nonostante l’esagerato ed inutile digitale è comunque affascinante, sebbene un po’ piatta e incolore. Il film ricalca quelli in costume degli anni ’50 e ’60, brillanti e rocambolesci, scanzonati e con protagonisti simpatiche canaglie che piacevano a tutti: alle donne perchè uomini belli e grandi amatori, agli uomini perchè erano il loro sogno virile, e ai bambini per il carattere avventuroso delle loro vicende. Anche nel “Casanova” di Hallström si respira la stessa aria, anche se di maniera, e si sorride e ci si diverte senza troppi grattacapi. Certo, fa una bella figura tutto il contenuto anticattolico ben rappresentato dal laido castratore dell’Inquisizione vaticana di Jeremy Irons. Così il film non solo diverte, ma piace anche a chi, come il sottoscritto, mal digerisce le disumane regole morali della Chiesa. In più il cast è piacevole, non si può negare. Per una Lena Olin sempre bella e sensuale e per un Oliver Pratt redivivo e assolutamente in parte c’è un Heath Ledger piacione e gigione che si solleva da ogni incarico d’impegno e si concede un film leggero, ma dagli affondi radicali. Il suo Casanova, e crediamo pure quello futuro del giovane Charlie Cox, maldestro e simpatico al punto giusto, è un tombeur de femmes allineato con il buon senso del libertinismo, ma di questo porta solo i caratteri fisici di un irresistibile Heath Ledger e non la carica sovversiva di chi sfida Stato e Chiesa per la propria libertà. Il film infatti poteva essere meno giocoso e più cattivo, ma così com’è è ugualmente piacevole e leggero al punto giusto per guardarlo in pace e serenità, senza pensare a chi già ci sta cercando come eretico. Mauro Fradegradi

Commenti (0)

Nessun commento

Vota questo FILM

"GUARDABILE"

Gradimento

Media

5.33

Votanti

3

Per votare devi accedere nel KavusClub!

FILM IN EVIDENZA


HORROR ZONE

a cura di Federico Frusciante
Clicca qui per entrare nella sezione HorrorZone

CLASSIFICA TOP

I 3 migliori film di sempre secondo il KavusClub
Clicca qui per la classifica generale

CLASSIFICA FLOP

I 3 peggiori film di sempre secondo il KavusClub
Clicca qui per la classifica generale