Schede Film: 3308 | Schede Serial: 0 | Recensioni: 2373 | Iscritti: 33

...E Continuavano a Chiamarlo Figlio Di..

Foto ...E Continuavano a Chiamarlo Figlio Di.. Film, Serial, Recensione, Cinema

Zorro cerca di provare l'innocenza di un giovane accusato di omicidio e rapina. Si avvalerà dei suoi ristretti e segreti collaboratori, e saprà superare l'iniziale diffidenza dello sceriffo.

Titolo originale
RegiaRafael Romero Marchent
CastFabio Testi, Piero Lulli, Frank Brana, Riccardo Garrone
GenereSpaghetti Western
Anno1969
Durata96 min.
ProdSpagna/Italia
ProduzioneIIF
DistribuzioneIif
Sitoweb

Recensioni (1)

scapigliato Film Cinema
scapigliato
7.5

Molto meglio il titolo originale spagnolo: “El Zorro Justiciero”. Questa volpe giustiziera altro non è che il Don Diego famoso, lo Zorro che difende i poveri e gli oppressi, interpretato da Fabio Testi. Bisogna dire che è un film di scarto, visto che nasce appunto dagli scarti de “Il Figlio di Zorro” e che non è affatto un film eccelso. A testimoniare il gioco di riprese dalla pellicola del film di Baldanello, uscito poi solo nel 1973!, è l’assenza inaspettata del vendicatore mascherato nella lunga sparatoria finale. Questa, che è il fiore all’occhiello del film, altrimenti non indimenticabile, non prevede l’intervento diretto di Zorro a risolvere il bellissimo assedio al saloon operato dai cattivi guidati da Piero Lulli, bensì lascia spazio a figure che si pensavano di contorno o comunque inferiori a quella del protagonista, come l’immancabile sceriffo di Luis Induni, il buon messicano interpretato da Frank Braña, e il forse-davvero-vero protagonista che ha il volto di Carlos Romero Marchent, il fratello più giovane dei tre celebre cineasti. Fabio Testi, qui davvero sprecato e irritante nelle vesti del damerino (ha fatto di meglio, guardatevi “Anda Muchacho, Spara!”), ricorda come lui fosse Zorro solo quando si levava il fazzoletto nero dal volto, mentre nelle scene a campo lungo a cavalcare nei panni del giustiziere è, con ogni probabilità, Roberto Dell’Acqua, protagonista del film di Baldanello. Girato completamente nei dintorni di Madrid, alla Pedriza evocatissima di suggestioni favolistiche data la sua stupenda geologia, il film del secondo Marchent non è un gran prodigio di inventiva e azione. Anzi, è troppo verboso, con dialoghi ai limiti del sostenibile, prosaico da apparire davvero anti-western. A risollevarlo ci pensa la figura gigantesca, anche se qui parecchio circoscritta, di Piero Lulli. L’attore fiorentino è, all’epoca del film, uno dei volti più importanti del genere, nonchè uno tra gli attori migliori che il nostro cinema abbia avuto. É lui infatti, nonostante non sia il titolare del principale ruolo antagonista, a caratterizzare con meschinità il personaggio più bello del film. Mentre Frank Braña ci lascia un personaggio dal grande impatto iconografico, Lulli riesce ad elevare il suo a qualcosa di più che una semplice caratterizzazione. Tant’è infatti che l’unica scena forte di tutto il film, privo di qualsiasi elemento estetico che lo imparenti con il western di casa nostra, è la sevizia nei confronti di Simone Blondell legata ad un palo e minacciata con un tizzone ardente. Il linguaggio cinematografico adottato da Marchent, che si differenzia da quello posato degli scarti di Baldanello (immagino siano i suoi), aiuta a incidere il personaggio di Piero Lulli. Non sono pochi infatti i primi piani antologici che ritraggono il bellissimo volto western di Lulli, così come quelli che esaltano il volto di Braña: questo è cinema. Altro grande volto sprecato è Riccardo Garrone, qui in una macchietta davvero imperdibile, peccato sia rapidissima. Purtroppo Rafael Romero Marchent dà il meglio di sé solo alla fine (fatta eccezione per il bellisso attacco al treno). L’assedio finale dei tirapiedi del cattivo Warren e conseguente sparatoria tra protagonisti ed antagonisti ha un impatto immaginifico forte, con una bella messa in scena ed un ritmo notevole. Non sentiamo affatto la mancanza di Zorro. Mauro Fradegradi

Commenti (0)

Nessun commento

Vota questo FILM

"GRAN BEL FILM"

Gradimento

Media

7.5

Votanti

1

Per votare devi accedere nel KavusClub!

Chi ha votato

FILM IN EVIDENZA


HORROR ZONE

a cura di Federico Frusciante
Clicca qui per entrare nella sezione HorrorZone

CLASSIFICA TOP

I 3 migliori film di sempre secondo il KavusClub
Clicca qui per la classifica generale

CLASSIFICA FLOP

I 3 peggiori film di sempre secondo il KavusClub
Clicca qui per la classifica generale