Schede Film: 3309 | Schede Serial: 0 | Recensioni: 2373 | Iscritti: 34

La Spina del Diavolo

Foto La Spina del Diavolo Film, Serial, Recensione, Cinema

Fotogallery



Siamo nel 1939, alla fine della sanguinosa guerra civile spagnola, durata tre anni. L'ala destra dei nazionalisti del Generale Franco sta per sconfiggere l'ala sinistra delle forze repubblicane. Un ragazzo di dieci anni, Carlos, figlio di un eroe repubblicano caduto in guerra, viene abbandonato dal suo tutore in un orfanotrofio. L'orfano viene preso in cura dalla preside, Carmen, e da un professore dall'animo gentile, Casares, entrambi simpatizzanti della causa repubblicana. Nonostante le amorevoli cure dei due verso il ragazzo, Carlos non si sente per˛ completamente a suo agio nel nuovo ambiente. Nel cortile c'Ŕ una bomba inesplosa arrivata dal cielo, un bambino, Santi, Ŕ scomparso e dalla cisterna provengono spaventosi sospiri...

Titolo originale
RegiaGuillermo Del Toro
Castduardo Noriega, Marisa Paredes, Federico Luppi, Fernando Tielve, ═˝igo GarcÚs, Irene Visedo
GenereDrammatico
Anno2001
Durata106 '
ProdSpagna - Messico
ProduzionePedro & Augustin Almodovar
Distribuzione
Sitoweb

Recensioni (1)

Superficie 213 Film Cinema
Superficie 213
7.5

Prodotto da Almodovar e diretto nel 2001 dal bravo Guillermo Del Toro - dopo il litigio coi produttori della Miramax per avergli cambiato il finale di Mimic.. -,questo dramma tinto di horror e fantasy regala un paio di ore di cinema vero,puro non contaminato ne' da un gusto estetico televisivo ne' tantomeno dalla "videoclipstupidaggine" che ammorba fino alla nausea meta' della produzione cinematografica mondiale attuale. Del Toro gira con calma,senza eccessi tecnici e sceglie una fotografia - affidata all'esperto Guillermo Navarro - davvero di ottimo livello,dove i colori saturi si fondono con una scenografia naturale quasi da western. Ottimo l'uso della colonna sonora che non scade nella pomposita',buono il lavoro degli attori - Eduardo Noriega ,Marisa Paredes , Federico Luppi , Fernando Tielve,VÝctor Barroso -,tutti in parte e calati perfettamente nel ruolo. Interessante poi l'idea di portare su grande schermo una ghost story immersa nella guerra di Spagna ,poco prima che Franco prenda il potere trasformando in fantasmi tutti i suoi avversari. Qui il regista a tratti eccede in voglie "autoriali" e lascia da parte il genere perdendo in tensione e ritmo,ma forse guadagnando in contenuto. Scelta che ha fatto storcere il naso alla critica d'autore che non permette invasioni "basse" da parte di autori non considerati degni,e che ha deluso la maggior parte degli appassionati di horror che vogliono solo vedere un po' di frattaglie o fare due salti sulla poltrona. Personalmente ritengo che la scelta di messa in scena di Del Toro sia quella giusta e che ,seppur con i suoi difetti - tempi a volte smorzati,qualche buchetto di sceneggiatura , alcuni personaggi descritti in modo eccessivamente veloce - questa pellicola abbia dalla sua molte cose che sono sicuramente superiori alla media. Da noi il film arriva con 5 anni di ritardo,probabilmente per l'imminente uscita del nuovo lavoro del regista - in concorso a Cannes.. - ,El laberinto del fauno ,e per il successo che i suoi "comic movies" - Blade 2,Hellboy - hanno avuto a livello planetario. Da vedere senza pregiudizi. Federico Frusciante

Commenti (0)

Nessun commento

Vota questo FILM

"GRAN BEL FILM"

Gradimento

Media

7.5

Votanti

1

Per votare devi accedere nel KavusClub!

Chi ha votato

FILM IN EVIDENZA


HORROR ZONE

a cura di Federico Frusciante
Clicca qui per entrare nella sezione HorrorZone

CLASSIFICA TOP

I 3 migliori film di sempre secondo il KavusClub
Clicca qui per la classifica generale

CLASSIFICA FLOP

I 3 peggiori film di sempre secondo il KavusClub
Clicca qui per la classifica generale