Schede Film: 3309 | Schede Serial: 0 | Recensioni: 2373 | Iscritti: 35

Licantropia Apocalypse

Foto Licantropia Apocalypse Film, Serial, Recensione, Cinema

Fotogallery



Brigitte è in fuga, sta cercando di evitare ciò che è capitato a sua sorella Ginger, prima trasformata in lupo mannaro e poi scomparsa. Il terribile morbo scorre già nel suo sangue e l'unica speranza di salvezza risiede in un antidoto tanto potente quanto pericoloso. Brigitte, infatti, viene fermata dalla polizia in stato confusionale e reclusa in un centro di riabilitazione per tossicodipendenti. Qui, senza il prezioso antidoto, il mostro che è in lei esplode in tutta la sua potenza, seminando orrore.

Titolo originale
RegiaBrett Sullivan
CastEmily Perkins, Tatiana Maslany, Eric Johnson, Janet Kidder
GenereHorror
Anno2003
Durata92 '
ProdCanada
Produzione
DistribuzioneEagle
Sitoweb

Recensioni (2)

Superficie 213 Film Cinema
Superficie 213
7

Secondo capitolo delle avventure mannare delle due sorelle piu' sfortunate del pianeta. Dopo il primo buon episodio,esce in Italia direttamente in dvd questo sequel che e' all'latezza dell'originale. Il regista riesce a creare una buona tensione ed ha a disposizone un 'ottima location ed un gruppetto di attori sconosciuti ma molto bravi. Il film ha un crescendo di ritmo e tensione che sfocia in un bel finale - dove lo splatter non e' davvero messo in un angolo come spesso capita nei teen movie di nuova generazione - che rende giustizia ad uno script attento ,che seppur non originale , e' sicuramente intrigante e senza tentennamenti. Buoni gli effetti speciali mai in computer grafica ma sempre assolutamente - e giustamente - artiginali,di livello l'ottim e livida fotografi e da segnalare anche il buon uso del commento sonoro. Nel complesso quindi un film piacevole,che ragiona sulla crescita e sulla limitazione della liberta' e degli istinti in modo non banale ed attraverso metafore semplici ma efficaci. Federico Frusciante

scapigliato Film Cinema
scapigliato
9.5

"Unleashed" significa liberato, sfogato; quando qualcosa di represso si libera si slega e fa macelli. Anche il secondo capitolo dell'unica serie sui lupi mannari degna di Landis e Dante, libera la mostruosità adolescenziale con non pochi livelli di interpretazione che si sovrappongono tra loro senza permetterci un'interpretazione unica e chiara. Se nel primo capitolo la mutazione del corpo adolescente era avvicinata, forse demonizzata?, con quella licantropica, qui abbiamo la repressione della mutazione attraverso la droga. Come leggere quindi tra le righe, e soprattutto cosa leggerci? L'ambivalenza dei sottotesti non è nuova negli horror, basti ricordarsi di chi come Jason o Michael rappresentavano o la punizione di chi trasgrediva ai codici morali, assumendo così un significato repubblicano, reazionario e conservatore, oppure rappresentavano la critica alla società conservatrice americana colpevole di "castrare" le libertà dei giovani. Un'ambivalenza che troviamo anche qui in "Ginger Snaps: Unleashed". Da un lato la mutazione licantropica è vista come un male, come una malattia da curare, quindi è il Male da combattere, come?, con la droga: interpretazione non poco originale. Dall'altro, se il Male fosse la droga, allora l'impeto animale addormentato in ognuno di noi è l'aspetto più primitivo, e quindi più vero, che va salvaguardato, ma che le giovani vittime della società d'oggi non riconoscono come un bene e tendono quindi a reprimerlo. Se poi vogliamo accostare alla licantropia, come al vampirismo, il passaggio dall'eterosessualità all'omosessualità, le cose si complicano, anche piacevolmente. Comunque a monte delle varie interpretazioni, ecco che il film, nonostante al timone non ci sia il John Fawcett del primo seminale capitolo, è un pregievole prodotto di genere, attento alle atmosfere, al si vede e non si vede (dovuto anche alla pochezza di mezzi ed effetti speciali), attento anche al perturbante sempre vivo e presente in tutta la pellicola. Essendo un vero film horror, non è un caso che sia passato inosservato, mentre i baracconi da blockbuster riempiono immeritatamente le sale. Mauro Fradegradi

Commenti (0)

Nessun commento

Vota questo FILM

"GRAN BEL FILM"

Gradimento

Media

8.25

Votanti

2

Per votare devi accedere nel KavusClub!

FILM IN EVIDENZA


HORROR ZONE

a cura di Federico Frusciante
Clicca qui per entrare nella sezione HorrorZone

CLASSIFICA TOP

I 3 migliori film di sempre secondo il KavusClub
Clicca qui per la classifica generale

CLASSIFICA FLOP

I 3 peggiori film di sempre secondo il KavusClub
Clicca qui per la classifica generale