Schede Film: 3309 | Schede Serial: 0 | Recensioni: 2373 | Iscritti: 34

Saw - L'enigmista

Foto Saw - L'enigmista  Film, Serial, Recensione, Cinema

Fotogallery



Adam e il dottor Lawrence Gordon sono due persone comuni che si svegliano incatenati ai tubi di un bagno pubblico sotterraneo, accanto a loro ci sono una pistola e una sega. Non sanno nulla l'uno dell'altro eccetto che il dottor Lawrence deve uccidere Adam entro otto ore. Jigsaw è un terribile serial killer che crea diabolici giochi di morte per tormentare le proprie vittime. Nella sua perversione omicida, egli è convinto che minacciandole di privarle della vita, queste saranno in grado di apprezzarla maggiormente, arrivando a compiere qualsiasi tipo di efferatezza pur di non farsi uccidere. (Trama ufficiale)

Titolo originale
RegiaJames Wan
CastLeigh Whannell, Cary Elwes, Danny Glover, Ken Leung, Monica Potter
GenereHorror
Anno2004
Durata100 '
ProdU.S.A.
ProduzioneTwisted Pictures
Distribuzione
Sitoweb

Recensioni (3)

Superficie 213 Film Cinema
Superficie 213
7.5

Due uomini si risvegliano in una toilette lurida legati con delle catene alle pareti...non si conoscono...l'unica cosa che sanno e' che uno dei due - Lawrence - deve uccidere l'altro entro 8 ore se non vuole che la sua famiglia sia sterminata... Inizia cosi' questo bUON thriller del giovanissimo James Wan,che deve essere cresciuto a Dario Argento,Fulci e compagnia bella ,sia per l'uso estremamente "europeo" della messa in scena che per le varie piccole citazioni sparse durante tutto l'arco della pellicola. Lo stile della regia e' buono, secco,senza fronzoli e Wan sa come dare ritmo alla narrazione sia come mettere inseme una tensione sensibile e palpabile sin dalle prime scene. Ottimi movimenti di macchina,accuratezza nelle inquadrature,stile moderno ma senza eccessi videoclippari stordenti - in qualche scena si fa uso di un montaggio frenetico e di un sonoro disturbante...tutto qui il prezzo da pagare al nuovo stile ...fortunatamente le sequenze non sono buttate a caso - e classe pura in almeno due scene...che non rivelero' per non sciuparvi lo spettacolo. Bravi gli attori - c'e' anche un Danny Glover in un ruolo che ribalta il suo piu' famoso...quello di arma letale - che recitano senza eccessi dei personaggi semplici ma non banali,scritti in modo pulito e diretto. Buona la costruzione ad incastro nella ricerca dei ricordi dei prigionieri,interessante la sceneggiatura,che esplora angoli remoti della psiche,senza troppi orpelli,ma con sincera spavalderia verso il genere. Fotografia da manuale,con colori saturi e caldi,oppure freddi e grigiastri a seconda della situazione mentale dei personaggi. In conclusione una pellicola indipendente che aprira' le porte di Hollywood a Wan - sperando che non si rincoglionisca anche lui a contatto con Los Angeles - ...visto che SAW 2 e SAW 3 sono gia' usciti ed il quarto e' alle porte. Un film di genere come se ne vedono sempre meno,capace di sporcarsi col sangue e le budella...senza paura di non poter passare in prime time. Federico Frusciante

backstreet70 Film Cinema
backstreet70
4.5

Spacciato come un horror ad alta tensione, Saw presenta sin dall'inizio tutti i suoi difetti sia di originalit, sia di messa in scena. Copia di "Seven" (a tratti al limite del plagio) un'accozzaglia di luoghi comuni che non provocano il minimo timore. Il tutto si basa su un'idea non nuova (ci mancherebbe) ma perlomeno interessante, peccato che il resto vanifichi tutto, dalla trama dozzinale ai dialoghi osceni che mostrano tutta la loro incosistenza in maniera assai evidente, anche grazie ad una recitazione da teatrino dell'asilo. Una volto l'horror, scandalizzava ed attaccava il pensiero borghese, oggi diventato un mangiaebevi senza sapore che ti lascia giusto il tempo di qualche sbadiglio. Paolo Iglina

scapigliato Film Cinema
scapigliato
8

Ecco alcuni motivi presentati a 101 procure italiane dal Codacons per ritirare dalle sale Saw: reato di molestia o disturbo alle persone; commercio di scritti, disegni o altri oggetti contrari alla pubblica decenza. Personalmente trovo indecenti e offensivi Berlusconi e compagnia sospetta quando passano in Tv mentre ci sono i bambini a tavola con la famiglia (giusto per usare la stessa misura di moralisti e censori). Ok, il film di James Wan non sar un capolavoro. A volte manca di ritmo, alcuni personaggi non hanno lo spazio per diventare interessanti. Ma un film innocente rispetto alle insopportabili scene dei salotti tv, delle Lecciso, dei grandi reality per piccoli spettatori. Per quelli di Sinistra sar un filmaccio perch non Cinema aderente alla realt, e non crea loccasione al cittadino di progredire civilmente. Per quelli di Destra sar un filmaccio da bandire perch sono dei moralisti, censori e hanno unidea castratrice dellarte. Insomma da entrambe le parti una cultura da regime. Adesso basta girarci intorno, puntando il dito sui film horror o sulla violenza di altre pellicole quando abbiamo sotto locchio di tutti i giorni un mondo impazzito che non saccorge di avvicinarsi al baratro per due o tre Signori che giocano alla guerra. Basta! LHorror Ribellione! E non mi stancher mai di ripeterlo. Serve a sconvolgere. Serve a ridestare le menti sterilizzate dalle caramellose e finte promesse della tv ovattata che ci fa credere che tutto va bene. Lhorror deve disturbare. Deve mettere luomo qualunque in una situazione eccezionale e chiedergli Adesso cosa fai?. Pi la societ reprime, e pi annulla luomo e la sua intelligenza. Saw come ho detto non capolavoro, ma ha il pregio di divertire il pubblico con una trama thriller molto in debito con lhorror. Per esempio i pupazzi sono davvero inquietanti. E lo sarebbero ancor di pi se fosse stata pi presente unatmosfera malato-onirica alla Lynch, o alla Bava o allArgento. Infatti il realismo e la concretezza delle scene e dello sviluppo narrativo (pi thriller che horror), cozza con la dimensione disturbante che sanno creare le scene con i pupazzi. Il finale al cardiopalma, nonostante non stravolga niente del clich del doppio colpo di scena conclusivo. E rimane sconvolgente la decisione di Cary Elwes che riscatta cos un personaggio incolore e male interpretato. Ma i complimenti, oltre al regista che ha locchio giusto per la messa in scena, e un po meno per gli attori, bisogna farli al giovane Leigh Whannell che non solo co-protagonista nel film, ma ne anche lo sceneggiatore. E in pi, sul finale, possiamo goderci il grande Tobin Bell, apparso in diversi film proprio come cattivo, anche al fianco di Gene Hackman (Pronti a Morire, Il Socio, Mississippi Burning). E se non ci fermassimo al solo divertimento dellintreccio e dei personaggi, noteremo anche un valore di fondo del film. Molto semplice e anche patetico, ma mica da buttare via. Dire che a volte le persone non saccorgono del valore della vita, come pi volte si sente dire nel film, non affatto una piccola cosa. E poi la situazione in cui si trovano le vittime di Jigsaw, ovvero lEnigmista, sono metafore di una tragedia che ci aspetta dietro langolo, impaziente di chiederci: E tu, uomo qualunque, adesso cosa fai?. E luomo qualunque come risponderebbe? Andrebbe a cercare la risposta nellenciclopedia televisiva alla voce Non ti preoccupare, ti regalo Il Grande Fratello, e tutto va bene? Mauro Fradegradi

Commenti (0)

Nessun commento

Vota questo FILM

"GRAN BEL FILM"

Gradimento

Media

7.1

Votanti

5

Per votare devi accedere nel KavusClub!

FILM IN EVIDENZA


HORROR ZONE

a cura di Federico Frusciante
Clicca qui per entrare nella sezione HorrorZone

CLASSIFICA TOP

I 3 migliori film di sempre secondo il KavusClub
Clicca qui per la classifica generale

CLASSIFICA FLOP

I 3 peggiori film di sempre secondo il KavusClub
Clicca qui per la classifica generale